Navigation Menu+

Tra fiumi e canali

Tra fiumi e canali.945Probabilmente quando i Galli Boj, a cavallo tra il V ed il IV secolo a.c., si stanziarono nel Lodigiano non potevano neppure immaginare che quell’enorme acquitrino, giunto a noi col nome di Lago Gerundo, sarebbe stato completamente prosciugato e le acque che vi ristagnavano sarebbero state in larga misurari condotte all’alveo naturale dell’Adda, grazie al sapiente lavoro di bonifica che trova la sua più significativa espressione nel Canale Muzza e nei suoi derivatori. 

Oggi, grazie a quell’immane lavoro, pensando al Lodigiano, possiamo a ragione qualificarlo come la fertile terra lambita dai tre fiumi: l’Adda, il Lambro ed il Po, che dagli stessi è stata plasmata e che agli stessi riconosce valore, tutela e rispetto.